.
Annunci online

  generosobruno
 
Diario
 



19 febbraio 2013

Hirpinian young Turks on FT!

...The Democrats’ tricky balancing act will also have to be squared with the hopes of the party’s rank and file, and in Avellino expectations are running high. “Italy needs a new industrial policy,” says Generoso Bruno, a Democrat activist. “Either we let industry here in the south be a resource for the country, or this could be the beginning of the end.”

19/02/2013 - Financial Times


25 luglio 2011

Un destino in bilico tra luoghi e flussi.

Sin dall’annuncio della cessione dello stabilimento Irisbus in Valle Ufita, l’unica via di salvezza è apparsa, oltre alla mobilitazione delle istituzioni locali e regionali, quella di inquadrare la vertenza su un piano nazionale capace di intervenire nei rapporti tra Fiat e Paese, tra governo e scelte di pianificazione nazionale del trasporto pubblico urbano, tra regioni, titolari, con le loro aziende, del trasporto pubblico e sblocco dei fondi utili al rinnovo dei parchi autobus a cominciare dalla finalizzazione di una parte dei fondi FAS.

E’ evidente che, all’interno della vertenza Irisbus, rimane centrale il ruolo del governo. Ci sono due limiti. Il primo, strettamente di segno politico. In nessuna delle vertenze approdate, sin qui, ad un tavolo nazionale, il governo Berlusconi, all’interno di un possibile quadro delle compatibilità, ha scelto di svolgere un ruolo di mediazione tra gli interessi del lavoro e dei territori e quelli delle imprese; accettando, quasi ideologicamente, direi, che fosse, con buona pace dei lavoratori e delle comunità, esclusivamente, il mercato a definire le possibilità e le compatibilità.

Il secondo, invece, riguarda, strettamente, la fase politica. L’attuale clima di smobilitazione, dovuta alla chiusura di questo disgraziatissimo ciclo politico, potrebbe intaccare, più di ogni altro elemento, la credibilità e l’autorevolezza di un intervento, qualora vi fosse.

In questo quadro, potrebbe, se verificata, essere utile la volontà, espressa da ambienti vicini al Presidente della Camera dei Deputati, dell’iscrizione, tra gli argomenti all’ordine del giorno, nell’aula di Montecitorio, della vertenza Irisbus. Come Partito Democratico, Pier Luigi Bersani in testa, siamo pronti.
 
E’ nell’interesse del Paese che la produzione di autobus urbani non lasci la Valle Ufita e, quindi, l’Italia ed è sempre nell’interesse nazionale che Fiat non abbandoni, progressivamente, il Mezzogiorno. Un forte mandato parlamentare, su questo punto, potrebbe ancorare e rafforzare la “mission” dell’esecutivo di governo ad operare in uno schema, auspicato, di risoluzione.
 
C’è bisogno di un governo capace, all’interno di questa crisi, di assumere, contrariamente a quanto fatto sin’ora, in decine di altre vertenze industriali, un ruolo che sia effettivamente di “responsabilità nazionale”. Abbiamo bisogno di un governo che dica cose diverse da quelle già dette, sempre con Fiat, sulla vicenda di Termini Imerese.
 
Nell’economia globalizzata, le crisi industriali, con sempre maggior stridore, contrappongono i luoghi, quindi i territori e le comunità, ai flussi dell’economia e degli investimenti. Non è secondario, quindi, che in questo schema, sulla questione Irisbus, nella difesa delle opportunità produttive e di crescita di un territorio, il Patto per lo sviluppo riesca a tenere legate assieme sia le organizzazioni sindacali che Confindustria e le organizzazioni datoriali.
 
Più claudicante, a cominciare da quello dei sette deputati irpini del Pdl, appare il contributo della politica. Soggiacente, come ideologia, al mercato e quindi non più abituata ad operare tra gli interessi del lavoro, dei territori e dell’impresa e, per legge elettorale, non più legata al territorio ma alla fedeltà a chi sceglie sulle liste elettorali. La politica esce, letteralmente, macinata dalla partita globale tra flussi e luoghi. Ideologicamente subordinata a chi governa i flussi e non più neppure veramente espressione dei luoghi.
 
La soluzione per l’Irisbus impone, alla politica, un ruolo, necessariamente, altro. Per una volta, quindi, i “sette”, abbiano la forza di preferire, alle “ragioni del capo”, quelle dei luoghi, delle comunità e del territorio.
 
Generoso Bruno
 

Foto di Enrico De Napoli


sfoglia     gennaio        marzo
 

 rubriche

diario
Hirpinia
[G]Banner
Avellino
Comunicati

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Radio SIANI
fondazione PUPI
Les InRockuptibleS
[tr3nta]*
Piazze Democratiche
RIFARE l' ITALIA
deputatiPD
France-Libertés
Italianieuropei
Lavoro & Welfare
Le débat
Ebdomadario
Left Wing
The Frontpage
Le Monde diplò
tamtàm democratico
blogpolitica
RossoFisso
il nostro tempo è adesso
Rete della Conoscenza
Guerriglia Marketing
Sergio BELLUCCI
BrunoBlog
CasinoTotale il blog di MasoNotarianni
Dario Danti
Gad Lerner
Guido Viale il blog
unità a sinistra - Giuliano Giuliani
La Spada nella Roccia
ilBlogdiManu
Mario Perrotta
Libreria Petrozziello - Avellino
Wu Ming
Alternative per il Socialismo
MicroMega
TERRA
Antonio Bassolino
Pierluigi Bersani
Anna Paola Concia
Gianni Cuperlo
Cesare Damiano
Umberto Ranieri
Ugo Sposetti
Nicola Zingaretti
CORRIERE - Irpinia
IL MATTINO - Avellino
OTTOpagine
Cinque Righe
il Ciriaco
Irpinia24
Irpinia News
Irpinia oggi
IrpiniaReport
L'IRPINIA
ORTICAlab
+ECONOMIA
Tu si nat'in Italy
gli ALTRI
IL FOGLIO
Libè
il manifesto
Pubblico
l'Unità
Avellino Rugby
Interisti Leninisti
Javier Zanetti
Vigili del Fuoco - 115

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom